La psicoterapia

In ottica costruttivista non esistono categorie e criteri diagnostici.

Non esiste un manuale di consultazione perchè il presupposto di base è che ogni persona costruisce dinamiche proprie e molto diverse da qualunque altra persona, per questo non pensabili in categorie.

La sintomatologia riportata da un paziente, in questa prospettiva, diviene disturbante solo nella misura in cui è disturbante per il paziente stesso, e non dipende dal soddisfacimento o meno di criteri nosografici (come nei principali Manuali Diagnostici). In altre parole, se la persona sta bene con se stessa, (a patto che non diventi pericolosa per se stessa e per gli altri) non si può parlare di alcun disturbo.

L'unica operazione possibile riguarda il raggruppamento di Organizzazioni di significati, più o meno compensati (ovvero con un equilibrio più o meno funzionale per la persona).

Organizzazione di significato tuttavia non significa affatto sintomatologia, tutti noi durante l'infanzia ne abbiamo costruita una che ci ha guidato in passato, ci guida tutt'ora e ci aiuta a dare significato al mondo e a ciò che ci circonda.

Raggruppare i significati in un'Organizzazione può servire quindi come esempio di ragionamento clinico, per dare un'idea di come sia possibile assemblare le varie componenti, tenendo bene a mente che non esiste una sola Organizzazione (Depressiva per esempio), ma miliardi e miliardi di Organizzazioni (Depressive)!! Ogni persona ha una propria Organizzazione, mai ripetibile né tanto meno generalizzabile!
In questa sezione troverete la descrizione delle 4 Organizzazioni di significati in ottica Costruttivista, e potrete divertirvi a scoprire quale organizzazione sentite più vicina a voi.

Potrete inoltre avere un'idea di come si lavora in Terapia Costruttivista, e cosa potrete aspettarvi se deciderete di intraprendere questo percorso.

Ogni descrizione è preceduta dalla classificazione nosografica del Disturbo come riportato nel DSM 5 (Manuale Diagnostico di riferimento utilizzato per fare diagnosi) al fine di rendere più chiare le differenze tra questa e l'ottica Costruttivista.

Consultando le varie sezioni delle Organizzazioni di personalità potrete notare come spesso la parte razionale di noi conosca molto bene in quale tipologia d significati possiamo più facilmente collocarci, ma nonostante questo, cambiare non sia altrettanto semplice. Niente di più naturale! Questo accade perchè cambiare presuppone un percorso che non passa dalla testa e non si attua con un ragionamento (come quello che facciamo valutando quale Organizzazione ci è più congeniale), ma dalla pancia, entrando emotivamente in contatto con ciò che sentiamo di essere.

E' il passaggio da "Io lo so" a "Io lo sento", a rappresentare la chiave di volta.

La persona che si accinge ad immergersi in una terapia costruttivista intersoggettiva dovrà aspettarsi molte più domande che risposte. Il terapeuta è una guida importante nel percorso di conoscenza interiore, ma il vero ricercatore ed esperto di sé è la persona stessa. Sarà lui, sotto supervisione del terapeuta, a costruire la propria mappa interiore, un documento conoscitivo dettagliato in cui ogni aspetto del Sé è stato accuratamente compreso e collocato all'interno della più ampia complessità della persona.

Ogni caratteristica della persona ha una funzione precisa per la persona stessa, soddisfa, cioè, un bisogno.

Più si entra in contatto con i propri bisogni, più sono pensabili modi alternativi per soddisfarli. La conoscenza interiore apre nuovi scenari e possibilità.

Questa è, in sintesi, l'essenza del cambiamento.

Quando una realtà mi viene spiegata da un soggetto, più che comprendere qualcosa circa la realtà spiegatami, comprendo maggiormente come il soggetto vede quella realtà. In altre parole, più che conoscere la realtà, finisco per conoscere il soggetto che la descrive.

Von Glasersfeld

Dott.ssa Federica Castellano
Psicologa Psicoterapeta
via dell'Industria, Palazzo Velathri, 57023 Cecina (LI) - Cell. 3428801328 - Mail f.castellano@virgilio.it
P. Iva 01851370492
  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube